Voce Nustrale

Nutiziale culturale

Livia
19 di ghjennaghju

A mostra “Rencontres célestes” di Carole Lanfranchi à u museu di l’Alta Rocca in Livia sin’à u 9 di marzu

Cù ste sculture, l’artista mette à l’onore l’universu feminile sacru : da Epona, a dea gallica di a fertilità à Minerve, a dea rumana di a saviezza, di a medicina, di u cumerciu, di l’arti in generale è più tardi di a guerra. Da Gaia, a dea greca di a terra à a Santa Vergine Maria. Scultrice prufessiunale, Carole Lanfranchi hè ghjunta à stallassi in u so paese di Livia in u 2015 dopu una furmazione di ceramista in u dipartimentu di a Droma cumpletata da a frequentazione di diversi attelli in Francia è in Alemagna. In Livia, hè a rispunsevule d’attelli di scultura è dà corsi à i zitelli è l’adulti. U so materiale preferitu hè a petra rinaghja, è ogni tantu a purzellana. Trà puesia è alchimia, un mondu sensuale è oniricu ispira è ritma tutte e so creazione.

I detaglii, a ricchezza di e tessiture, a patina participeghjanu inseme à l’equilibru è à a suttilità di e so opere chì ci facenu entre in core di “una memoria in equilibru”. Sta memoria hè quella di e persone chì ùn ci sò più, ch’ùn si vedenu micca ma sò sempre vive. In e sculture di Carole Lanfranchi, avemu un viaghju ind’a materia. I volumi, u spaziu è l’inviluppu ogni tantu imbelliti d’oru, o altri metalli preziosi, e materie striate è roze in tensione cù zone lisce è dolce venenu à carezzà a luce. Tutte ste creazione figurative o fantasche, testimunieghjanu d’un mondu emuziunale induve spuntanu una leia forte cù i so antenati o i so discendenti. Ste sculture sò u risultatu d’una ricerca interna è un omagiu à quelli chì anu guidatu a so strada. 

Artisti

 Indirizzu

Piazza Ghjuvanni Simonetti
20221 Cervioni

+04 95 38 12 83

 Rete suciale

Cuncezzione è realizazione Agence de communication L'Agenza