Voce Nustrale

Nutiziale culturale

Corsica
20 di lugliu

Les constructions temporaires traditionnelles de la Corse rurale di Michel-Claude Weiss

I pastori corsi, nant’à i chjassi d’impiaghjere è muntagnere, anu custruitu casette. Un picculu patrimoniu chì i cercadori volenu fà cunnosce. Michel-Claude Weiss, anzianu archeologu è prufessore di l’università, oghje sparitu, hà fattu di ste custruzzione fruste da u tempu un sugettu di ricerca. Vicinu à i pagliaghji, baracconi, casette è capanne, hà fundatu a so dimarchja nant’à cullaburazione di fondu cù cercadori, studianti di l'università di Corsica è tennichi. In stu filu, i scientifichi anu fattu di e regione di Scandola, u Fangu, Montegrossu, Lumiu-Lavatoghju, a Costa Verde è a regione norduveste di u Capicorsu u so terrenu di studiu.
 
Michel-Claude Weiss, rispunsevule di u prugettu, hà cumpletatu u travagliu di e so squadre cù e testimunianze di persone chì campanu in a regione pè facilità l’inchieste etnugrafiche. Sta ricerca si ritrova in stu bellu libru, “Les constructions temporaires traditionnelles de la Corse rurale”, edizione Alain Piazzola. Una necessità pè cunnosce i resti di un’attività paisana assai primurosa pè e sucetà di tandu. Hè evucata a memoria cullettiva. Ghjè dinù un omagiu à tutte ste strutture cusì numerose è à i pueti-paisani cum’è Pampasgiolu, allevadori, pastori o carbunaghji. In stu quadru, ingiru à Scandula, si pò cità i siti d'Elbe, Capitellu o ancu u spaziu di vita pasturale di Foculara. U locu hè statu occupatu, da ottobre à maghju 1967 da i fratelli niulinchi Antoine è Pierre-Paul Geronimi cù a so banda di 400 capre. Altri pastori niulinchi anu da impiaghjà in a valle di u Fangu versu Tuvarelli, u Marzulinu o in Galeria. Si chjamanu Alfonsi, Spinosi, Luciani, Susini o Maestracci. Anu stabilitu leie cumerciale strette cù Calinzana  è menu spessu cù L’Isula. 
 
Certi sò andati à campà ingiru à Lumiu è Lavatoghju induve si praticheghja l'allevu è e culture di cereale ma dinù ogni tantu e piante lignose. E rilazione pasturale funziuneghjanu dinù sin’à l’anni sessanta trà Niolu è Capicorsu è dopu trà Niolu è Costa Verde. U mudellu architetturale induv’ellu campa u pastore, qualsiasi a regione, hè un alloghju pè campà è travaglià ma chì hè abbandunatu dinù parechji mesi. E capanne eranu sempre custruite nant’à u listessu mudellu cù elementi lucali pè pudè ricustruille o riparalle prestu sì ci era bisognu. 
 
Un ci hè bisognu di scavà fundazione. Avemu letti fatti cù e tavule è pagliacce d’erba secca. E nichje di e cavità murale ghjovanu di scancerie. Ci si mette stuviglii, arnesi è a nutritura. Di regula, ste case anu una sola pezza è sò state custruite vicin’à un fornu, un’aghja di tribbiera o qualchì chjosu. Bellu spessu, i custruttori si sò lasciati guidà da a topografia di i lochi. Dunque, avemu “piani irregulari” pè una custruzzione pruvisoria è hè statu cusì da u principiu di u medievu sin’à una parte di u 20u seculu à u mumentu induve si scioglie un pezzu di 'a cultura tradiziunale di l’isula', 

Cultura

 Indirizzu

Piazza Ghjuvanni Simonetti
20221 Cervioni

+04 95 38 12 83

 Rete suciale

Cuncezzione è realizazione Agence de communication L'Agenza